CORSI DI FORMAZIONE                     IN CORSO


Il Training Autogeno e' una tecnica di rilassamento nata agli inizi del ‘900, grazie agli studi dello psichiatra tedesco Johannes H.Schultz.


Ma vediamo meglio che cos’e' il Training Autogeno, che per semplicita' chiariremo con la sua nota abbreviazione TA.
La tecnica consiste in una serie di esercizi di concentrazione che si focalizzano su diverse zone corporee, allo scopo di ottenere un generale stato di rilassamento sia a livello fisico che psichico.

La caratteristica fondamentale di questo metodo e', appunto, la possibilita' di ottenere, attraverso esercizi che potremmo considerare "mentali", delle reali modifiche corporee, che a loro volta sono in grado di influenzare la sfera psichica dell’individuo.

Cio' e' possibile poiche' l’organismo umano e' un’unita' biopsichica, nel senso che mente e corpo non sono componenti autonome e indipendenti, ma sono strettamente correlate, in un rapporto di influenza reciproca e costante; e' pertanto possibile attraverso semplici attivita' mentali produrre modificazioni delle funzioni organiche e viceversa.

Un’altra caratteristica fondamentale del metodo di Schultz è che la regolare pratica degli esercizi porta alla produzione sempre piu' spontanea delle modificazioni fisiologiche tipiche dello stato di rilassamento.

In sostanza il regolare e costante allenamento fa sì che la distensione e il benessere psicofisico non debbano più essere cercati attivamente, ma si producano in modo automatico e spontaneo, come dei veri e propri riflessi.


Azione ed effetti del TA

Come accennato sopra, il TA permette, attraverso precisi esercizi di concentrazione, di indurre risposte di distensione e tranquillizzazione.

Cio' avviene poiche' l’allenamento autogeno e' in grado di influenzare vari sistemi organici quali

la muscolatura
• il sistema cardiovascolare e neurovegetativo
• l’apparato respiratorio.


Molte persone raccontano che grazie all’allenamento riescono a concentrarsi molto meglio su se stessi e a mettere a fuoco piu' chiaramente le proprie reazioni; cio' ha delle implicazioni estremamente importanti, poiche' sembra, che tali soggetti siano in grado di gestire meglio le proprie reazioni e comportamenti anche al di fuori della seduta, imparando di conseguenza a vedere meglio nella loro reale dimensione anche i problemi della vita quotidiana.